Progetto StiKa

VIETATO IL CONTANTE per pagamenti spese trasporto

Dal 12/11/2014 è entrato il vigore il cosiddetto decreto “Sblocca Italia”: a seguito di ciò è stato introdotto il divieto categorico di effettuare pagamenti in contanti per le prestazioni di trasporto merci su strada, indipendentemente dall’importo del servizio e indipendentemente dalla tipologia/dimensione del trasportatore (corriere, vettore, autotrasportatore, …)

VIETATO CONTANTI

 

 

 

In sede di conversione nella Legge 11/11/2014 n. 164 del D.L. 12.9.2014 n. 133 (cosiddetto Sblocca Italia), all`articolo 32 bis è stato aggiunto il seguente comma (co.4):

"Al fine di assicurare la tracciabilita' dei flussi finanziari finalizzata alla prevenzione delle infiltrazioni criminali e del riciclaggio del denaro derivante da traffici illegali, tutti i soggetti della filiera dei trasporti provvedono al pagamento del corrispettivo per le prestazioni rese in adempimento di un contratto di trasporto di merci su strada, di cui al decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 286, utilizzando strumenti elettronici di pagamento, ovvero il canale bancario attraverso assegni, bonifici bancari o postali, e comunque ogni altro strumento idoneo a garantire

la piena tracciabilità delle operazioni, indipendentemente dall`ammontare dell`importo dovuto. Per le violazioni delle disposizioni di cui al presente comma si applicano le disposizioni dell`articolo 51, comma 1, del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, e successive modificazioni".

Rammentiamo che ai sensi del D.lgs. 286/2005, articolo 2, vengono individuate le seguenti definizioni nel contratto di trasporto:

  1. attività di autotrasporto, la prestazione di un servizio, eseguita in modo professionale e non strumentale ad altre attività, consistente nel  trasferimento di cose di terzi su strada mediante autoveicoli, dietro il pagamento di un corrispettivo;
  2. vettore, l`impresa di autotrasporto iscritta all`albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l`autotrasporto di cose per conto di terzi, ovvero l`impresa non stabilita in Italia, abilitata ad eseguire attività di autotrasporto internazionale o di cabotaggio stradale in territorio italiano che e' parte di un contratto di trasporto di merci su strada;
  3. committente, l`impresa o la persona giuridica pubblica che stipula o nel nome della quale e' stipulato il contratto di trasporto con il vettore;
  4. caricatore, l`impresa o la persona giuridica pubblica che consegna la merce al vettore, curando la sistemazione delle merci sul veicolo adibito all'esecuzione del trasporto;
  5. proprietario della merce, l`impresa o la persona giuridica pubblica che ha la proprietà delle cose oggetto dell`attività di autotrasporto al momento della consegna al vettore.

Da ciò ne deriva che il pagamento del corrispettivo per le prestazioni rese in adempimento di un contratto di trasporto merci su strada debba essere effettuato esclusivamente con strumenti tracciabili (assegni, bonifici, carte di credito etc.) con esclusione del contante, indipendentemente dal fatto che la somma da corrispondere sia non superiore agli € 999,99 (attuale limite per il pagamento in contanti).


In estrema sintesi:

  • Il committente non potrà pagare fatture di trasporto in contanti, indipendentemente dall`ammontare della fattura
  • Lo spedizioniere non potrà pagare il vettore in contanti, indipendentemente dall`ammontare della fattura e non potrà incassare la propria fattura dal committente in contanti
  • Il vettore non potrà pagare il subvettore in contanti, indipendentemente dall`ammontare della fattura
  • Il vettore - il sub vettore - lo spedizioniere - non potranno ricevere pagamenti, per fatture emesse per trasporti, in contanti indipendentemente dall`ammontare della fattura

Ad esempio, sia che si tratti di un trasporto con corriere per acquisto cancelleria d’ufficio ovvero trasporto di merci destinate alla vendita, la relativa fattura non può essere assolutamente pagata in contanti, indipendentemente dall’importo della stessa.

 

 

 

 

 

 

Progetto StiKa©
info@progettostika.it
Distinguersi è importante, distinguersi con stile è Progetto StiKa©